Trebbiano

Il Vitigno

Origine e provenienza del Trebbiano

Il vitigno Trebbiano ha origini antichissime. La sua origine risale al periodo etrusco-romano, come testimonia la presenza di cenni alla sua coltivazione in alcuni scritti di Plinio il Vecchio. La sua prima diffusione si ebbe in Emilia Romagna, soprattutto sui colli romagnoli, per poi estendersi anche ad altre zone dell'Italia centro-settentrionale. Il nome deriva da “Trebula”, ossia fattoria, nome che starebbe ad indicare un vino 'casereccio'.

Caratteristiche del Trebbiano

Il Trebbiano è un vitigno a bacca bianca. Ha una foglia media, pentagonale, un grappolo medio-grande di forma conico-piramidale, compatto, con un acino medio-grande, di forma sferica, dal colore giallo-verde, con sfumature ambrate. Il vino prodotto è giallo paglierino, dall'odore forte e gradevole e dal sapore asciutto e armonico.

Zone di produzione del Trebbiano

La zona di maggiore coltivazione del vitigno Trebbiano è la Romagna, dove trova la sua massima diffusione in provincia di Ravenna, ma anche sui colli emiliani. Viene coltivato anche in Lazio, zona Castelli Romani e più raramente anche in altre regioni italiane. Il vitigno Trebbiano romagnolo predilige terreni fertili, non molto caldi, ma si adatta facilmente alle più diverse tipologie di terreno e condizioni climatiche, caratteristica che lo rende uno dei vini più diffuso e prodotto, nonché facilmente commerciabile.

Tipologie di vini Trebbiano

Attualmente è il vitigno più coltivato in Romagna. I sinonimi usati per la sua identificazione sono: Trebbiano della Fiamma e Trebbiano di Romagna. Il vino prodotto è sufficientemente neutro per essere impiegato in unione con altri vini dalla personalità più spiccata, senza sopraffarli anche se utilizzato in elevate percentuali. Il Trebbiano è una famiglia di vitigni a frutto bianco tra i più diffusi in Italia, presenti nell'uvaggio di decine e decine di vini Doc, sia bianchi che rossi. Tra i vari vitigni, che spesso prendono il nome dalla zona di provenienza o dall'areale di maggiore diffusione, ricordiamo il Trebbiano Toscano, il Trebbiano Abruzzese, il Trebbiano dell'Emilia Romagna, Il Trebbiano di Soave, il Trebbiano Modenese, il Trebbiano Spoletino ed il Trebbiano Giallo.